mercoledì 13 dic 2017
ultimo aggiornamento ore 00.46
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
TORINO - 16/09/2011tsunami

Fare cassa con la tassa per il soggiorno. Gli albergatori non ringraziano

Marco Fontana

In un periodo di 'vacche magre' per i bilanci comunali, falcidiati dai tagli della manovra e dalle leggerezze nelle scelte politiche degli amministratori quando i soldi scorrevano a fiumi, anche Torino applicherà la tassa per il soggiorno. Ad annunciarlo il sindaco Piero Fassino la cui linea strategica è sempre più chiara in tema di finanza comunale: tasse,tasse e ancora tasse. Eppure l'alternativa c'è: affamare la macchina burocratica. Smettere con gli affidamenti diretti ai soliti noti ed evitare gli stipendifici, le avventure nelle note partecipate in eterno passivo, i tavoli politically correct ma iper-gettonati che alla fine non decidono alcunché e infine mettere un freno alla marea di consulenze e collaborazioni che spesso viaggiano su criteri di appartenenza più che di competenza. Il primo cittadino di Torino però preferisce continuare con l'andazzo dei suoi predecessori in termini di spesa e quindi i soldi da qualche parte li dovrà ben trovare. E visto che un ente pubblico e una coalizione politica non possono rapinare una banca (ma da ieri secondo la magistratura possono tranquillamente tentare la scalata visto la grottesca storia di Unipol) ecco servito l'ennesimo balzello: la tassa di soggiorno, che secondo delle prime stime frutterà al Comune circa 10 milioni di euro, praticamente l'equivalente dei dividendi che il Comune non riceverà più con la cessione del 40% delle sue partecipazioni in Gtt,Amiat e Trm che ha annunciato ieri.

Molti i contro e pochi i pro verso questa scelta. Da un lato infatti come fronteggiare le legittime lamentele da parte dei clienti? E come comportarsi con gli ospiti che magari non prenotano direttamente in hotel, ma attraverso un’OTA o un’agenzia di viaggio, dove non sono stati messi al corrente o non hanno visto che c’è una tassa aggiuntiva da pagare?In più di fatto la tassa di soggiorno si rivela un forte disincentivo per i turisti, specie per chi ha in programma soggiorni lunghi. Soggiornare in un hotel 3 stelle a Torino per una settimana significherà una spesa in più di 21 euro a persona, in un 5 stelle 35 euro a persona, somme che per molte famiglie non sono irrisorie.Senza le regole governative peraltro, la questione della destinazione di tali entrare resta lasciata al buon cuore dei sindaci e l’esperienza mostra che anche altre entrate, vincolate in maniera più netta, sono in realtà finite a coprire le voci di bilancio più diverse, senza alcun controllo reale (basta ricordare le multe, che dovrebbero finanziare la sicurezza stradale). L'unico pro è che senza tassa di soggiorno la voce ‘turismo’ soccomberà a furor di popolo e di politica, perché nessuno riuscirà mai a sostenere che una promozione turistica è più importante di un asilo nido o del welfare. Ma siamo certi che non ci siano voci di spreco che potrebbero ancora essere tagliate dai bilanci comunali?



Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab