domenica 23 apr 2017
ultimo aggiornamento ore 17.54
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
HINTERLAND - 17/10/2016CRONACA

Le truffe dei mobilifici

"Piemonte, Lombardia e Liguria sono state le regioni maggiormente colpite negli ultimi anni da truffe legate a mobilifici che intascavano acconti senza consegnare la merce, per poi sparire nel nulla. Tra questi, vi è il noto caso ‘Arredando Arredamenti’ e ad oggi, “Arredarredi”, “in virtù dei quali come Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori invitiamo tutti i cittadini coinvolti nel raggiro e ancora mancanti all’appello a sporgere denuncia e costituirsi parte civile. Questo al fine di avere maggiore forza processuale e minori costi di giustizia”. Spiega così l’avvocato Patrizia Polliotto dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 la prima e più autorevole associazione consumeristica italiana. “Le ricostruzioni e gli elementi di prova forniti dagli stessi cittadini che hanno sporto denuncia hanno contribuito all’apertura delle indagini preliminari coordinate dal sostituto procuratore Valerio Longi. Tali indagini già nel mese di giugno avevano portato gli arresti dell’amministratore effettivo e di quello occulto della società Arredando Ingrosso Arredamenti S.r.l. Oggi l’inchiesta si è allargata ponendo sotto sequestro anche i locali della “Arredarredi Ingrosso Arredamenti” con sede in Rivoli, società di dubbia costituzione in quanto aperta a pochi mesi dalla chiusura dei locali di Beinasco e di Castagnito di Arredando Ingrosso Arredamenti” prosegue l’avvocato Polliotto. Inoltre, l’iter che ha portato alla truffa di numerosi consumatori era lo stesso che veniva usato sia nelle sedi di Beinasco che di Castagnito, e poi di Rivoli: appuntamento, assistenza di un arredatore il quale predisponeva il disegno dei mobili e, per alcuni, effettuava anche un sopralluogo presso l’abitazione, sottoscrizione del contratto dove veniva richiesto immediatamente un acconto sul totale del 30%, e successivamente il saldo o un ulteriore acconto pena la mancata consegna. Fino a qui tutto apparentemente regolare, peccato che una volta trascorso il termine indicato nel contratto i mobili non venissero consegnati, pur avendo saldato in toto o quasi, e l’arredatore al quale ci si era rivolti non era più reperibile. Pertanto, “al fine di tutelare i propri diritti si consiglia di sporgere tempestivamente denuncia presso le autorità competenti (Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri) specificando nel dettaglio l’accaduto e precisando di voler procedere contro i responsabili, inoltre la nostra associazione può assistervi e rappresentarvi nelle procedure giudiziarie attivabili per il recupero dei danni subiti - conclude il legale - A tal fine potrete rivolgervi alla nostra sede dell’Unione Nazionale Consumatori – Comitato Regionale del Piemonte, in Torino, via Roma n. 366, telefonando in orario d’ufficio allo 011.5611800, o scrivendo una mail all’indirizzo di posta elettronica unc.piemonte@gmail.com.
Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab