martedì 27 giu 2017
ultimo aggiornamento ore 12.28
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
TORINO - 17/10/2016MOSTRE/EVENTI

IL CINEMA DI GUS VAN SANT

Al Museo Nazionale del Cinema di Torino - Mole Antonelliana, è allestita fino al 6 gennaio 2017 la mostra del regista americano Gus Van Sant “ICONE”. L’esposizione è coprodotta dalla Cinèmatheque française di Parigi e dalla Cinèmathèque di Losanna, è curata da Matthieu Orlèan, nel catalogo (Silvana Editoriale, 208 pagine illustrazioni a colori - € 34.00) viene riportata la lunga intervista fatta al regista. Il coordinamento della mostra italiana è di Grazia Paganelli e Stefano Boni.
Il percorso espositivo ricostruisce interamente la carriera artistica di Gus Van Sant, partendo dagli scatti fotografici iniziali con la polaroid, quando negli anni Settanta e Ottanta ritraeva le future star del cinema (Joaquin Phoenix, Keanu Reeves, Nicole Kidman, Matt Damon, Uma Thurman, Ben Affleck), poi gli acquerelli, i dipinti e i cut-up fotografici. Il fulcro della mostra è il cinema con le numerose influenze letterarie, artistiche e musicali. Queste opere in mostra a Torino sono state mostrate per la prima volta nel 2011 presso la Galleria Gagosian di Los Angeles. Sempre nell’introduzione del prestigioso volume Matthieu Orlèan scrive : “Gus Van Sant è un regista indipendente assolutamente paradossale, in grado di muoversi sinuosamente tra i sentieri del cinema più mainstream, come evidenziano i suoi film di successo Will Hunting - Genio ribelle e Milk, prodotti negli studios di Hollywood, che hanno conquistato il pubblico e vinto numerosi prestigiosi premi (Oscar per il migliore attore non protagonista a Robin William e per il migliore attore a Sean Penn)”. Il materiale esposto prima di arrivare nel capoluogo subalpino è stato a Parigi. Alberto Barbera (Direttore Museo Nazionale del Cinema di Torino) nell’introduzione al catalogo dice : “I film di Gus Van Sant andrebbero sempre rivisti più volte. Solo così si può scoprire l’esistenza dei meccanismi nascosti sotto la semplicità di una forma lineare e avvolgente”. Il percorso si immerge poi nel multiforme universo artistico presentando opere figurative e plastiche, i suoi film, nonché le collaborazioni originali con artisti del calibro di William Eggleston, Bruce Weber, M. Blash o David Bowie, affrontano molteplici discipline: fotografia, cinema, pittura e musica. I pezzi esposti sono oltre 180, comprendono stampe fotografiche originali, disegni preparatori per i lungometraggi (in parte non realizzati), cortometraggi inediti, video musicali. Il volume presenta poi per la prima volta l’intera gamma della sua produzione cinematografica, anche fotografica e di arte figurativa, presente in mostra, e racconta delle sue fonti di ispirazione e delle collaborazioni importanti. Il libro oltre al curatore e al direttore del Museo Nazionale del Cinema riporta interventi di Stephane Bouquet, Stefano Boni, Bertrand Schefer e Benjamin Thorel. La mostra gode anche del Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, viene accompagnata da una retrospettiva al Cinema Massimo fino al 31 ottobre, dove vengono proposti tutti i film di Gus Van Sant in lingua originale sottotitolati in italiano.

Gianfranco Piovano

Versione per stampa

Articoli correlati

REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab