sabato 21 ott 2017
ultimo aggiornamento ore 18.06
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
ASTI - 22/09/2016MOSTRE/EVENTI

I GIOIELLI DI GRETA GARBO E BETTE DAVIS

Continua fino al 2 ottobre prossimo la mostra a Palazzo Mazzetti: “GIOIELLI FANTASIA, SOGNI AMERICANI”, oltre cinquecento esemplari di Gioielli Fantasia provenienti dalla collezione personale di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, la quale scrive nel catalogo: “Ho scoperto i Gioielli Fantasia alla fine degli anni ’80, quando la mia amica Rosangela Cochrane mi appuntò sul rever la prima spilla. Era una corona di Trifari che, con la luce, rendeva viva la mia giacca scura. Così mi sono avvicinata agli American Costume Jewelry e ho deciso di dar vita ad una collezione”. “Splendidamente falso…”, “Trifari da Napoli a New York”, “Il Gioiello va in scena”, “Dalla creatività al design”, “Ditelo con i fiori”, “Personaggi e maschere”, sono solo alcune delle sedici sezioni del percorso espositivo arricchito da pannelli illustrativi, con immagini e proiezioni che accompagnano il visitatore alla riscoperta della produzione di costume jewelry, fenomeno socio–culturale nato negli Stati Uniti all’indomani della grande crisi del 1929-1939 con la drastica riduzione del mercato dei prodotti di lusso. La sperimentazione con materiali non preziosi diventa l’unica via di sopravvivenza per i gioiellieri, ma anche stimolo per la fantasia e per la messa a punto di nuove tecniche. Come possiamo ammirare nella mostra di Palazzo Mazzetti, nonostante l’utilizzo di pietre e leghe di costo contenuto, l’accuratezza delle finiture e il formato sorprendente sono il segno evidente delle straordinarie capacità creative dei designer dell’epoca e di una maggiore libertà di sperimentazione di nuovi materiali. Sono i gioielli indossati sugli abiti di scena delle dive del cinema come Greta Garbo, Marlene Dietrich, Bette Davis e Vivien Leigh. Il leggendario Joseff crea monili per centinaia di pellicole di grande successo, tra cui “Via col Vento”. Anche first ladies come Mamie Eisenhower e Jacqueline Kennedy Onassis, non perdono l’occasione di esibirli in occasioni pubbliche. Con questi gioielli nascono ornamenti bellissimi e poco costosi che gli studi cinematografici di Hollywood non esitano ad adottare, facendoli diventare protagonisti della stagione d’oro del cinema americano. Sono gioielli molto grandi e vistosi, visibili durante le riprese e in grado di far risparmiare il denaro precedentemente speso per il noleggio dei veri gioielli. La mostra, promossa da Fondazione Palazzo Mazzetti e Città di Asti, in collaborazione con la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, con il sostegno di Fondazione Cassa Risparmio di Asti, realizzata con il patrocinio di Regione Piemonte e Provincia di Asti, viene accompagnata da un catalogo bilingue italiano-inglese edito dalla Sagep Editori di Genova.La mostra è visitabile da martedì a domenica con orario 9,30-19,30 (ultimo ingresso ore 18,30), chiusa il lunedì. Per informazioni tel. 0141.530403.

Gianfranco Piovano

Versione per stampa

Articoli correlati

REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab