mercoledì 13 dic 2017
ultimo aggiornamento ore 00.42
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
TORINO - 06/04/2016pagina dei libri

La Sindone tra storia e leggende

A quasi un anno dall’Ostensione della Sindone la reliquia continua a richiamare l’attenzione di scrittori con nuove pubblicazioni. L’ultima è quella di Andrea Nicoletti “SINDONE Storie e leggende di una reliquia controversa” edito da Einaudi (pp. 370 ill. ni b/n colori € 32.00), che racconta la storia della Sindone con approfondimenti e con un rigoroso criterio scientifico, seguendo i migliori canoni della storiografia. Questo libro è strutturato in cinque capitoli: “La nascita e sviluppo del culto sul telo sindonico”; “La Sindone di Lirey–Chambery-Torino”, “La Sindone in Piemonte”, “La Sindone e la modernità”, “La creazione di un mito”, cercando di tracciare una storia delle stoffe sepolcrali di Gesù, con particolare attenzione per quella che dal 1578 viene conservata a Torino. Una storia complessa sulla Sindone, ma approfondita e condotta con criterio scientifico: un’indagine a tutto campo, che riporta alla luce una vicenda secolare poco conosciuta e spesso mal raccontata. Procedendo lungo i secoli, dal tardo-antico al Medioevo, si nota un interesse sempre crescente e diffuso per la ricerca e il possesso di reliquie della passione e morte di Gesù, il cui numero aumenta esponenzialmente: una di queste è la Sindone di Torino, che avrà maggior fortuna rispetto a tutte le altre. La storia nota della reliquia torinese muove i primi passi nel Medioevo, quando compare in un villaggio della Francia, per poi spostarsi a Chambéry, nel cuore della Savoia, e infine a Torino, nuova capitale del ducato sabaudo e poi del Regno d’Italia. E’ una storia a tratti avventurosa, fatta di episodi che la storiografia sabauda e quella ecclesiastica hanno tentato di addomesticare. E’ una storia che coinvolge personaggi di primo piano della nobiltà, della politica, della Chiesa e della scienza. Nell’ultima parte del libro, che riguarda i secoli XX e XXI, la storia della Sindone si intreccia con la storia degli studi scientifici, dalle prime fotografie passando per la datazione radiocarbonica, fino ai giorni nostri. Molto spazio è dedicato a smantellare ipotesi storiografiche che non reggono alla prova della critica, allo spinoso problema dell’autenticità della reliquia e al difficile rapporto fra storia, fede e scienza. Uno di questi capitoli è la Sindone in Piemonte, dove la Sindone a Torino viveva un culto trionfale, ed era vista non soltanto come reliquia cui rivolgere la personale devozione, ma anche come segno tangibile della protezione celeste accordata alla casa ducale che ne era proprietaria. Nel 1582 papa Gregorio XIII (considerato il pontefice più importante per la riforma moderna della Chiesa, il suo nome è legato anche alla riforma del calendario) su richiesta del Duca, estese il carattere di solennità della festa della Sindone del 4 maggio anche alle terre di qua dei monti e concesse l’indulgenza plenaria a tutti i fedeli confessati e comunicati che avessero assistito all’ostensione. Alla festa della Sindone i duchi invitavano sudditi e forestieri mediante appositi manifesti. Gli spari dei cannoni e le luminarie notturne facevano di Torino una vera città in festa, si calcolava che per le ostensioni del secolo XVII il numero dei partecipanti oscillasse fra i 40 e i 60 mila individui. Per guardare la Sindone i pellegrini prendevano posto ovunque fosse possibile nella piazza, sui balconi, alle finestre, sui tetti. Non mancarono gli incidenti come avvenne nel 1647: in una ostensione avvenuta nel Duomo alcune persone morirono a causa del caldo e della ressa.

Gianfranco Piovano

Versione per stampa

Articoli correlati

REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab