venerdì 20 ott 2017
ultimo aggiornamento ore 19.56
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
RECENSIONI - 26/12/2015Recensioni

Star Wars: Il risveglio della Forza

“We’re home.”

La frase pronunciata da Han Solo (Harrison Ford) al momento del suo ritorno sul Millennium Falcon condensa perfettamente la strategia dominante di Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della forza (Star Wars: Episode VII - The Force Awakens, J.J. Abrams, 2015): dare la sensazione ai fan – e in generale a chiunque abbia già visto la trilogia degli anni Settanta-Ottanta (episodi IV, V e VI) – di essere “a casa”. Per infondere una tale impressione di familiarità il film ripropone quasi tutto il cast principale della storica trilogia, inserendo anche qualche cameo di personaggi secondari non-umani (come l’ammiraglio Gial “It’s a trap!” Ackbar). Parallelamente, la sceneggiatura – co-firmata dal leggendario Lawrence Kasdan, che aveva scritto il quinto e il sesto episodio – crea un fitto sistema di echi e di rimandi alla trilogia “originale”: ad esempio, c’è ancora una volta (per la terza volta!) una Morte Nera da distruggere, e non può mancare un conflitto padre-figlio (qui invertito). La lista sarebbe così lunga da far sembrare il lungometraggio di Abrams un remake. Cosa c’è quindi di nuovo in questo The Force Awakens?

Innanzitutto, si può notare una certa ironia postmoderna, che gioca a sbeffeggiare alcuni topoi del mito Star Wars quando essi sono riproposti e che, bisogna ammetterlo, funziona. Non si può non ridere quando Poe, il pilota eroe dei Ribelli (Oscar Isaac), insinua al nuovo antagonista Kylo Ren (Adam Driver) – emulatore di Darth Vader – di non capire quello che dice a causa della sua maschera e della voce elettronica.

Questi due attori, che avevano già recitato insieme in A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis, Joel & Ethan Coen, 2013), sono in effetti delle novità nel cast guerrestellare: tutti e due divi in ascesa provenienti dal cinema indipendente, con questo ruolo in Star Wars hanno ottenuto senza dubbio la loro piena consacrazione. Ma, curiosamente, entrambi si presentano al grande pubblico lavorando quasi in contre-emploi, dato che Oscar Isaac era associato spesso a personaggi tormentati e oscuri, come in Drive (Nicolas Winding Refn, 2011) e nel film dei fratelli Coen, mentre Adam Driver a personaggi positivi, come in Hungry Hearts (Saverio Costanzo, 2014). Forse proprio a causa di questa scelta di casting rischiosa (potremmo quasi dire: ambiziosa), le loro interpretazioni non sono convincenti.

Possiamo poi citare i due nuovi attori lanciati dal film nel ruolo dei protagonisti: lei (Daisy Ridley) è la versione femminile del Luke del quarto episodio. Invece lui (John Boyega) è ricalcato su Lando (Billy Dee Williams, Star Wars V): la presenza di un afroamericano in un film sottilmente conservatore è possibile solo a condizione che si tratti di un personaggio inizialmente negativo, il quale deve poi redimersi per essere accettato come positivo, ma resta sempre ambiguo e maschilista.

Per concludere, Star Wars: The Force Awakens non deluderà i suoi fan, ma al prezzo di provocare dei continui déjà-vu che smascherano un’operazione commerciale talmente nostalgica da rendere il film sostanzialmente vuoto e feticista.

Stefano Darchino

 





 


Versione per stampa

Articoli correlati

21/05/2017 &bull I Am Not Your Negro
31/01/2017 &bull La La Land
28/12/2016 &bull Rogue One: A Star Wars Story
20/12/2016 &bull Arrival
01/06/2016 &bull La pazza gioia
01/01/2016 &bull IL FIGLIO DI SAUL
01/07/2015 &bull Inside Out
03/06/2015 &bull As mil e uma noites - Volume 2, o desolado
06/04/2015 &bull Vizio di forma
02/04/2015 &bull Mommy
30/03/2015 &bull Birdman
07/02/2015 &bull Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate
27/01/2015 &bull Il ragazzo invisibile
26/05/2014 &bull Il giardino delle parole
24/02/2014 &bull The Wolf of Wall Street
24/02/2014 &bull Settimana dal 24 febbraio al 2 marzo 2014
18/01/2014 &bull La mia classe
18/01/2014 &bull Settimana dal 20 al 26 gennaio 2014
06/01/2014 &bull Settimana dal 6 al 12 gennaio 2014
16/12/2013 &bull Settimana dal 16 al 22 dicembre 2013
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab