lunedì 23 ott 2017
ultimo aggiornamento ore 13.50
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
TORINO - 11/01/2015MOSTRE/EVENTI

Omaggio a Antonio Carena

di Barbara Stabielli

La Società Promotrice delle Belle Arti di Torino ospita nella prestigiosa sala centrale la mostra “Omaggio a Antonio Carena”, grande maestro rivolese che fece dei cieli dipinti ad aerografo il suo percorso artistico.

Storico socio della Promotrice, Antonio Carena figura tra i più importanti artisti piemontesi, formatosi con Enrico Paulucci e Mario Davico, giunse giovanissimo ad esporre alla XXV Biennale di Venezia del 1950, divenne docente al liceo Artistico di Torino e poi all’Accademia di Belle Arti di Cuneo. Celebri sono i suoi cieli turchesi che decoravano il Castello di Rivoli e che rendono unici edifici pubblici e privati come il Salone riunioni della Martini e Rossi di Ginevra (1986) o i soffitti dell’Hotel de Ville d’Albret di Parigi (1989).

“Tra me e il cielo, la distanza la decido io” affermava l’artista che ha sempre dimostrato un atteggiamento “antidevozionale nei confronti del fare maiuscolo” intraprendendo un percorso artistico alla ricerca del “basso continuo della tecnica del carrozziere verniciatore”. Con la pistola ad aria e un’innata ironia Carena ci ha lasciato immagini di un “cielismo funzionale” fatto di incandescenze biancazzurre e/o bianconere, lontano dalla pittura di tavolozza, ha trovato la sua “privatissima zona franca bastevole per esorcizzare la noiosa” quotidianità, per affermare che “l’arte è soltanto un costoso pelo superfluo”.

Con grande attenzione al valore della forma, Carena dipinge su tela trance metalliche, godendo delle suggestioni del mondo che lo circonda, slegato da intenti drammatici e viscerali, dalla visione tipica del Romanticismo, perché l’artista ama rivelarsi nel “senso del levigato, del meccanico, dell’essenziale”, tra sogno, memoria e poesia dell’esistenza, tra cieli impalpabili, evanescenze plumbee ed accenti più materici che lasciano intravedere il gesto dell’artista.

Società Promotrice delle Belle Arti in Torino
Parco del Valentino
V.le Crivelli 11 – Torino

Omaggio a Antonio Carena
Fino al 10 gennaio 2015

info: 011 6692545




Versione per stampa

Articoli correlati

REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab