domenica 20 ago 2017
ultimo aggiornamento ore 04.22
HOME CHIERI
CRONACA
ATTUALITA'
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
AMBIENTE - 09/07/2014CRONACA

Porino riciclone, differenziata al 75%

Sono Novara, Poirino (TO) e Belveglio (AT) i “Comuni Ricicloni 2014” del Piemonte. Nessun “Riciclone” invece in Valle d’Aosta, unica regione italiana senza comuni particolarmente virtuosi sul fronte della raccolta differenziata. Sono stati consegnati a Roma i premi della XXI edizione di “Comuni Ricicloni”, l’iniziativa che premia le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti.
Il 16,4% dei comuni italiani, per un totale di 7,8 milioni di cittadini, ha raggiunto l’obiettivo di legge del 65% di raccolta differenziata, alimentando così l’industria del riciclo e la green economy che oggi conta 150 mila posti di lavoro. In Piemonte sono 163 i Comuni Ricicloni di quest’anno, il 13,5% del totale.
Sono tre le classifiche regionali costruite attraverso un indice di buona gestione dei rifiuti urbani, dedicate rispettivamente ai capoluoghi di provincia, ai comuni sopra e sotto i 10.000 abitanti. Il Piemonte mantiene il primato di unica regione ad avere due capoluoghi ricicloni: Novara, prima nella classifica regionale a cui va anche il “Premio ANCI”, e Verbania, rispettivamente con il 70,7% e 72,3% di raccolta differenziata. Verbania quest’anno si aggiudica anche il riconoscimento del consorzio Rilegno come comune sopra i 10.000 abitanti con la miglior raccolta degli imballaggi in legno: ben 1.046 tonnellate, pari a circa 35 kg pro capite intercettate anche grazie alla raccolta a domicilio per le grandi utenze.
E’ invece un podio tutto astigiano quello dei piccoli comuni ricicloni con meno di 10.000 abitanti: il Comune di Belveglio con quasi l’80% di raccolta differenziata si aggiudica la prima posizione in classifica seguito da Valfenera e Vigliano d’Asti. I tre comuni sono stati segnalati anche come “Rifiuti Free”, eccellenza nell’eccellenza, perché sono riusciti ad avere una produzione pro-capite di frazione secca indifferenziata inferiore a 75 kg all’anno. Gli altri comuni “Rifiuti Free” sul territorio piemontese sono Chiusa di Pesio (CN), Vaglio Serra (AT), Azzano d’Asti (AT), Vinchio (AT), Magliano Alpi (CN), Pino Torinese (TO), Cantarana (AT), Revigliasco d’Asti (AT), Castagnole delle Lanze (AT) e Frinco (AT).
Nella classifica dei comuni con più di 10.000 abitanti che hanno raggiunto l’obiettivo del 65% spicca Poirino, in provincia di Torino, con il 75% di raccolta differenziata, seguita da Carmagnola (TO) e Piossasco (TO) che superano entrambe il 70%. Un’ottima notizia per la provincia del capoluogo piemontese che invece si merita un monito: Torino da tempo ha superato il 50% di raccolta differenziata, ma esclusivamente nella metà della città dove esiste la raccolta porta a porta. Il cambiamento virtuoso per il capoluogo, iniziato dai quartieri periferici, si è infatti fermato confermando l’impressione di stallo delle grandi città. Eccezion fatta per Milano che si aggiudica una menzione speciale per aver superato il 50% di RD nei primi mesi del 2014.

Versione per stampa
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab