domenica 20 ago 2017
ultimo aggiornamento ore 04.10
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
RECENSIONI - 18/01/2014Recensioni

La mia classe

La mia classe, prendendo ispirazione dallo sceneggiato RAI del 1972 Diario di un maestro, mette a contatto un attore che recita la parte del professore (qui un cupo ed ormai maturo Valerio Mastandrea) con una classe vera, in questo caso composta da immigrati che vogliono imparare l’italiano. Ma tutto è complicato dalla presenza in campo della troupe, e quindi dalla compresenza di un livello di “realtà” documentaria e di uno di “finzione” filmica. La prima parte è nel complesso leggera – pur affrontando temi di un certo spessore – e finalmente in un’opera di Gaglianone, che ci ha abituati ad un alto tasso di drammaticità, si ride sinceramente. Ma quando ad uno degli alunni (nella “realtà”) viene revocato il permesso di soggiorno, la situazione degenera: nonostante gli sia stato proibito, Issa irrompe nella classe per partecipare alle riprese della lezione. Le carrellate fluide che avevano guidato la nostra visione fino a quel momento vengono sostituite da una camera a spalla che rispecchia la concitazione della discussione, nella quale vengono coinvolti anche i membri della crew. Lo spettatore è dunque portato a credere di aver scoperto il perché di quell’alternanza tra film e backstage dello stesso, presente sin dall’incipit: sembrerebbe trattarsi di un’esigenza pratica, del tentativo di ricucire la ferita creata da una scheggia di realtà che si era conficcata nella finzione. In verità, come comprendiamo progressivamente, anche il livello della “realtà” è una ricostruzione. O meglio, da quanto si legge nelle interviste al regista Daniele Gaglianone, è una versione romanzata della travagliata storia della produzione del film: a Issa il permesso era stato tolto davvero, ma prima dell’inizio delle riprese, rischiando di mandare tutto all’aria. Finché non si è deciso di fare il film comunque, permettendo a Issa di lavorare e sostanzialmente agendo nell’illegalità. Inserendo il livello della “realtà”, il progetto iniziale avrebbe potuto rischiare di trasformarsi nell’auto-elogio di una troupe coraggiosa.

È vero che Gaglianone, mettendosi in gioco e «mettendoci la faccia» (come afferma nelle interviste), ha applicato un imperativo morale che rischia di rovesciarsi in inconsapevole narcisimo. Ma è anche vero che La mia classe, invece di epicizzare l’avventura produttiva, prende un’altra strada: Issa viene allontanato dal set, al contrario di come è successo davvero. Inoltre questo Effetto notte ha un merito fondamentale: sfruttare le strategie tipiche della finzione e allo stesso tempo interromperla periodicamente e quasi brechtianamente per ricordarci che le parole degli allievi sono autentiche. In un certo senso, anche questo vuol dire «metterci la faccia»: lo spettatore ha la possibilità di associare dei volti a delle storie ben precise. Se nei telegiornali ci vengono forniti solo i numeri di tragedie lontane, qui lo spettatore non può che essere toccato dai racconti reali e terribili dei personaggi che ha seguito fino a quel momento, e ai quali si è inevitabilmente affezionato. Infatti gli alunni sono i veri protagonisti del film, degli splendidi ‘attori non professionisti’ involontari, che ci ricordano la condizione di molti extra-comunitari giunti in Italia, il loro dolore per la lontananza di famigliari e amici, le loro aspettative, guardandoci dritti negli occhi e bucando lo schermo dell’indifferenza.

Stefano Darchino


 


Versione per stampa

Articoli correlati

21/05/2017 &bull I Am Not Your Negro
31/01/2017 &bull La La Land
28/12/2016 &bull Rogue One: A Star Wars Story
20/12/2016 &bull Arrival
01/06/2016 &bull La pazza gioia
01/01/2016 &bull IL FIGLIO DI SAUL
26/12/2015 &bull Star Wars: Il risveglio della Forza
01/07/2015 &bull Inside Out
03/06/2015 &bull As mil e uma noites - Volume 2, o desolado
06/04/2015 &bull Vizio di forma
02/04/2015 &bull Mommy
30/03/2015 &bull Birdman
07/02/2015 &bull Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate
27/01/2015 &bull Il ragazzo invisibile
26/05/2014 &bull Il giardino delle parole
24/02/2014 &bull The Wolf of Wall Street
24/02/2014 &bull Settimana dal 24 febbraio al 2 marzo 2014
18/01/2014 &bull Settimana dal 20 al 26 gennaio 2014
06/01/2014 &bull Settimana dal 6 al 12 gennaio 2014
16/12/2013 &bull Settimana dal 16 al 22 dicembre 2013
REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab