domenica 20 ago 2017
ultimo aggiornamento ore 11.50
CRONACA
ATTUALITA'
INTERVISTE
SPORT
pagina BiancoNera
HANNO DETTO...
L'INTERVENTO DI...
tsunami
pagina dei libri
pagina dell'Arte
pagina della musica
pagina del cinema
pagina della salute
pagina del gelato
pagina delle ricette
pagina delle aziende
pagina degli annunci
pagina dei soldi
pagina degli astri
pagina dei Pezzi da 90
pagina dei concorsi
pagina di Google
pagina del cane Vidar
photogallery
Cerca su Pagina:

Area Utenti
Commenta i nostri articoli:
Username:
Password:
PINEROLO - 05/12/2012CRONACA

FATTURE FALSE, EVASIONE MILIONARIA

La Guardia di Finanza di Torino ha scoperto un giro di fatture false dalla Romania, con evasione milionaria. Quattro persone sono state arrestate, sequestrati immobili per oltre 2,5 milioni di euro e tre conti correnti bancari.
Sono finiti agli arresti domiciliari gli amministratori di un’impresa pinerolese che opera nel settore del commercio all’ingrosso di mobili.
Gli arrestati sono il socio accomandatario F.R. di 53 anni, la socia accomandante G.R. di 54 anni e i loro coniugi K.R. di 54 anni di nazionalità albanese e N.M. di 62 anni. I reati contestati sono l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e la sottrazione fraudolenta di beni al pagamento delle imposte. I fatti risalgono agli anni 2008, 2009 e 2010, durante i quali la società piemontese ha commercializzato mobili destinati a supermercati situati in Romania, indicando nelle dichiarazioni dei redditi costi per quasi due milioni e mezzo di euro riconducibili a fatture intestate ad una società di diritto rumeno, risultate poi false.
Dalla documentazione bancaria esaminata dalle Fiamme Gialle pinerolesi, sono emersi consistenti flussi di denaro dai conti societari che sono stati sistematicamente “svuotati” a beneficio dei soci stessi e dei loro familiari, eseguendo massicci prelievi e giroconti a loro favore, nel tentativo, non riuscito, di farne perdere le tracce.
L’evasione d’imposta complessivamente rilevata e segnalata all’Agenzia delle Entrate, ammonta ad oltre un milione di euro di imposte sul reddito e quasi mezzo milione di euro di maggiore Iva dovuta.
A garanzia del credito erariale sono state sequestrate due ville, entrambe a Pinerolo, di cui una di particolare pregio, composta da ben 20 vani dotati di ogni confort ed eleganti finizioni, completata da un’area cintata con annesso giardino, piscina scoperta e piante tropicali, per un valore di circa 2 milioni e mezzo di euro, nonché tre conti correnti tenuti presso una banca locale.


Versione per stampa

Articoli correlati

REDAZIONE - PUBBLICITA' - PROMOZIONI - _ - Road Communication sas Editrice P.I. 09842050016 - Copyright © Pagina - All rights reserved
Powered by Blulab